Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice

New Critical Reflections

Autore: Pietro Barbetta, Maria Esther Cavagnis, Inga-Britt Krause, Umberta Telfener
Editore: Routledge
Anno: 2022
Pagine: 172

In Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice, the four co-authors come together to rhizomatically consider how systemic theories can be reinvigorated in the present day.

This fascinating book uses the ideas and work of renowned anthropologist Gregory Bateson as a springboard from which to examine the fundamental tenets of systemic theory and practice, as well as looking to the work of Deleuze, Guattari, Maturana, Varela and von Foerster. Including contributions from a range of renowned therapists, each chapter examines the guiding principles from a critical perspective, asking questions around the ontology of the therapeutic encounter and the technique of therapy itself.

This revivifying volume will be of interest to systemic professionals, and those looking at how the systemic community can continue to grow and evolve.

 

Table of Contents

1. Introduction: Why Ethic and Aesthetic in Systemic Practices  2. Two Regimes of Madness in Psychotherapy  3. Revolutionary Childhood  4. Thoughts from the Outside  5. Getting Sick from Psychotherapy: Our Co-Responsibility in Unintended and Undesired Outcomes  6. Aesthetics, Ethics and Politics in Childhood Matters  7. Clinical Practice as Ecological Aesthetics  8. Babel, Bebel and Other Dangerous Glossolalia  9. Postscript: The Event

 

Author(s)

Biography

 

Pietro Barbetta is a psychotherapist, Director of the Milan Center of Family Therapy and Professor of Psychodynamic Theories at Bergamo University, Italy. He is also works as an ethno-clinical therapist with asylum seekers and refugees, and has authored works in English, Italian, Spanish and French.

Maria Esther Cavagnis is the Director of Studies, Clinical Research Team Coordinator and Senior Tutor in the therapist training programme at the Family Therapy Foundation in Buenos Aires, Argentina. She is a visiting lecturer at several universities in Argentina and Latin America and has worked in private practice since 1982.

Inga-Britt Krause is a social anthropologist, Consultant Systemic Psychotherapist and Lead of the Professional Doctorate in Systemic Psychotherapy at The Tavistock & Portman NHS Foundation Trust, UK. She is an international systemic psychotherapy teacher, trainer and supervisor, Visiting Professor in Social Anthropology at the University of Oslo, and consultant to several contemporary anthropological research projects.

Umberta Telfener is a teacher at the Milan School of Family Therapy, Italy and is Chair of the European Family Therapy Association Training Institutes Chamber (EFTA-TIC). Formerly Adjunct Professor at the Health Psychology Postgraduate School of the University of Rome La Sapienza, she has supervised public mental health structures and worked in private practice since 1982. She has authored works in both English and Italian.

Ultimi articoli

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphantdans mon séminaire…» Ho fatto entrare un elefante nel mio seminariodi Marc Moralianno: 2013Editore: Éditions érèsMARC MORALI, psichiatra e psicoanalista a Strasburgo, membro dell'Associazione lacaniana internazionale, direttore della...

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOMESeminario tenuto nel quadro degli insegnamenti dell’ALI MilanoMilano, 9 aprile 2001 EDITORE: ASSOCIAZIONE LACANIANA INTERNAZIONALE MILANOJorge CachoMarisa Fiumanò – Il dottor Giorgio Cacho è uno psicoanalista che lavora a Parigi e insegna...

“Je préférerais pas”

“Je préférerais pas”

"Je préférerais pas" Grandir est-il encore à l'ordre du jour ? Autore: Jean-Pierre LEBRUNEditore: éditions érèsAnno: 2022Collana: Questions de sociétéPagine: 176 Jean-Pierre LebrunfacebooktwitterLe « Je préférerais pas » du Bartleby de Melville n’est-il pas en train...

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

In previsione del seminario di Marc Morali l’11 novembre 2023 da titolo Il rovescio della medaglia, pubblichiamo qui un breve estratto di un testo pubblicato in Désir et responsabilité de l’analyste face ą la clinique actuelle (2013), sotto la direzione di Jean Pierre Lebrun per i tipi delle edizioni Érès.

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

Il dottor Cacho stasera ci parlerà di un tema che in qualche modo abbiamo affrontato ma che naturalmente lui tratterà a suo modo, con la ricchezza che gli è propria. Il titolo che ha voluto dare alla sua conferenza è «Oblio e funzione del nome». Se qualcuno di voi avesse letto l’annuncio sul «Corriere della Sera» naturalmente si sarà reso conto che è sbagliato, era «Oblio e dimenticanza del nome», che comunque non è dispiaciuto come lapsus al dottor Cacho, e di questo poi ci vorrà parlare. Dunque, gli lascio senz’altro la parola.

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Il caso della giovane omosessuale è una pietra angolare nella clinica dell’omosessualità femminile [1]. Lacan parla della giovane omosessuale sino al 1968, anno del Seminario XV L’atto analitico dove affronta la questione dell’inconscio menzognero a proposito dei sogni riferiti dalla giovane paziente. Poi si perdono le tracce di questo caso clinico caratterizzato dal confronto fra due padri. Un padre che contrariamente a Freud soffre su un piano della sua reputazione sociale dell’omosessualità della figlia, o dichiara di soffrirne e si comporta come se fosse vero, e Freud che, al contrario, proprio negli stessi anni non sembra preoccuparsene troppo. Anna, che si dedicherà tutta la vita al padre, diventerà il primo presidente dell’IPA, con un’accettazione sociale e semipubblica della sua scelta sessuale.