Linguaggi senza senso

Clinica transculturale

Autore: Pietro Barbetta
Editore: meltemi
Anno: 2023
Pagine: 160

 Le lallazioni infantili, le ecolalie e le gergalità neurologiche, le glossolalie religiose e schizofreniche presentano una varietà che viene perdendosi nel tempo dell’apprendimento educativo, della riabilitazione neurolinguistica, della guarigione dalla psicosi. Quando il soggetto entra, o rientra, in comunità – quando inizia, o riprende, a comunicare – assistiamo a una perdita dei suoni, dei grugniti, delle manducazioni e delle espressioni visuali curiose, estraniate e dissidenti. L’arte poetica e letteraria metasemantica, il teatro sperimentale, i canti ecolalici, le polifonie vocali mantengono invece vive queste perdite, le conservano in testi e in oralità idiosincrasiche e ripetitive.

In questo volume, Pietro Barbetta riporta la riflessione di una lunga attività clinica e di ricerca sull’infanzia, le neuro-differenze, le dissociazioni, i deliri e i nomadismi. Secondo l’autore, qualcosa accomuna queste esperienze fisiologiche, patologiche, etniche: l’estraneità al linguaggio significante e all’ordine grammaticale, nonché la presenza del corpo, espressione disordinata, ostacolo alla comunicazione.

 

Indice

Ringraziamenti. Prefazione. Introduzione. Capitolo primo: Lallazione, lingua dell’infante. Capitolo secondo: Erolalia, elogio dello spazio. Capitolo terzo: Coprolalia, sporcare il linguaggio. Capitolo quarto: Ecolalia, blowin’ in the wind. Capitolo quinto: Glossolalie, xenolalie, mondi. Capitolo sesto: Lingua matrigna.

 

Autore

Pietro Barbetta si occupa di psicoterapia, etnoclinica e letteratura. Direttore dell’ISST – International School of Systemic Therapy e docente di Psicologia dinamica all’Università di Bergamo. È autore per riviste cliniche e letterarie come “Doppiozero” e “Fillide”. Tra le sue pubblicazioni, ricordiamo la monografia La follia rivisitata (2014) e le curatele Complessità e psicoterapia (con U. Telfener, 2019) ed Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practices (con M.E. Cavagnis, I.-B. Krause, U. Telfener, 2022). Inoltre ha curato: Louis Wolfson (con E. Valtellina, 2015); Un singolare gatto selvatico (con G. Conserva, E. Valtellina, 2017); Diritti umani e intervento psicologico (con G. Scaduto, 2021).

Ultimi articoli

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOMESeminario tenuto nel quadro degli insegnamenti dell’ALI MilanoMilano, 9 aprile 2001 EDITORE: ASSOCIAZIONE LACANIANA INTERNAZIONALE MILANOJorge CachoMarisa Fiumanò – Il dottor Giorgio Cacho è uno psicoanalista che lavora a Parigi e insegna...

“Je préférerais pas”

“Je préférerais pas”

"Je préférerais pas" Grandir est-il encore à l'ordre du jour ? Autore: Jean-Pierre LEBRUNEditore: éditions érèsAnno: 2022Collana: Questions de sociétéPagine: 176 Jean-Pierre LebrunLe « Je préférerais pas » du Bartleby de Melville n’est-il pas en train de se...

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice New Critical ReflectionsAutore: Pietro Barbetta, Maria Esther Cavagnis, Inga-Britt Krause, Umberta TelfenerEditore: Routledge Anno: 2022Pagine: 172In Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice, the...

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

In previsione del seminario di Marc Morali l’11 novembre 2023 da titolo Il rovescio della medaglia, pubblichiamo qui un breve estratto di un testo pubblicato in Désir et responsabilité de l’analyste face ą la clinique actuelle (2013), sotto la direzione di Jean Pierre Lebrun per i tipi delle edizioni Érès.

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

Il dottor Cacho stasera ci parlerà di un tema che in qualche modo abbiamo affrontato ma che naturalmente lui tratterà a suo modo, con la ricchezza che gli è propria. Il titolo che ha voluto dare alla sua conferenza è «Oblio e funzione del nome». Se qualcuno di voi avesse letto l’annuncio sul «Corriere della Sera» naturalmente si sarà reso conto che è sbagliato, era «Oblio e dimenticanza del nome», che comunque non è dispiaciuto come lapsus al dottor Cacho, e di questo poi ci vorrà parlare. Dunque, gli lascio senz’altro la parola.

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Il caso della giovane omosessuale è una pietra angolare nella clinica dell’omosessualità femminile [1]. Lacan parla della giovane omosessuale sino al 1968, anno del Seminario XV L’atto analitico dove affronta la questione dell’inconscio menzognero a proposito dei sogni riferiti dalla giovane paziente. Poi si perdono le tracce di questo caso clinico caratterizzato dal confronto fra due padri. Un padre che contrariamente a Freud soffre su un piano della sua reputazione sociale dell’omosessualità della figlia, o dichiara di soffrirne e si comporta come se fosse vero, e Freud che, al contrario, proprio negli stessi anni non sembra preoccuparsene troppo. Anna, che si dedicherà tutta la vita al padre, diventerà il primo presidente dell’IPA, con un’accettazione sociale e semipubblica della sua scelta sessuale.