Un sentimento che non inganna

Sguardo e angoscia in psicoanalisi

Autore: Marisa fiumanò
Editore: Raffaello Cortina Editore
Collezione: Psicologia
Anno: 1991
Pagine: 178

Marisa Fiumanò

Psicoanalista e saggista, lavora a Milano dal 1987. La sua formazione analitica si è svolta prima a Roma con Muriel Drazien e successivamente a Grenoble con Jean Paul Hiltenbrand. E’ membro fondatore dell’associazione Cosa Freudiana e membro AMA dell’Association Lacanienne Internationale.

Dal 1979 al 1986, su incarico del Ministero della Pubblica Istruzione, ha lavorato presso l’Istituto di Psichiatria dell’Università di Roma e successivamente presso l’Istituto di Psichiatria di Affori (Milano).

​Nella seconda metà degli anni ’90 e nei primi anni del 2000 si è occupata di procreazione assistita e della sua regolamentazione giuridica, in collaborazione con ginecologhe, giuriste, psicologhe e assistenti sociali. Per loro ha tenuto dei Seminari di formazione promossi dalla regione Lombardia.

Dal 1993 è responsabile del Laboratorio Freudiano-Milano ( riconosciuto dal Miur nel 2002 come Scuola di specializzazione)
Nel 2005 ha fondato con altri colleghi l’ Associazione lacaniana internazionale- Milano ( ALI-Milano)
Dal 2011 e fino al 2016 è stata membro del cartel di presidenza di ALI in Italia.
Nel 2009, con alcuni psicoanalisti dell’ALI-Milano, ha creato il Consultorio Edipo in città, un luogo di consultazione per le nuove forme di sofferenza psichica.
Dal 2009 al 2011, su incarico del Comitato Pari Opportunità dell’Università di Milano-Bicocca, ha attivato il Consultorio Edipo all’Università rivolto agli studenti e al personale docente e amministrativo dell’Ateneo.
Dal 2002 a tutt’oggi é direttore responsabile della Scuola di specializzazione per psicoterapeuti Laboratorio Freudiano – Milano, istituto legalmente riconosciuto
Dal 2014 al 2016 è incaricata della supervisione del lavoro degli educatori della cooperativa “Comunità-Progetto” sulle problematiche relative alla immigrazione.
Dalla metà degli anni ’90 a tutt’oggi collabora con la Casa della Cultura di Milano dove ha tenuto numerosi cicli di seminari e conferenze. Dal 2015 fa parte del suo Consiglio culturale.

Studi e ricerche
I suoi studi e ricerche concernono principalmente la sessualità femminile e la relazione fra i sessi, l’economia psichica che regola la nostra modernità, il rapporto fra psicoanalisi e nuove tecnologie, le letture comparate dei classici della psicoanalisi, in particolare di Freud e Lacan.

 

 

 

Ultimi articoli

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphantdans mon séminaire…» Ho fatto entrare un elefante nel mio seminariodi Marc Moralianno: 2013Editore: Éditions érèsMARC MORALI, psichiatra e psicoanalista a Strasburgo, membro dell'Associazione lacaniana internazionale, direttore della...

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOMESeminario tenuto nel quadro degli insegnamenti dell’ALI MilanoMilano, 9 aprile 2001 EDITORE: ASSOCIAZIONE LACANIANA INTERNAZIONALE MILANOJorge CachoMarisa Fiumanò – Il dottor Giorgio Cacho è uno psicoanalista che lavora a Parigi e insegna...

“Je préférerais pas”

“Je préférerais pas”

"Je préférerais pas" Grandir est-il encore à l'ordre du jour ? Autore: Jean-Pierre LEBRUNEditore: éditions érèsAnno: 2022Collana: Questions de sociétéPagine: 176 Jean-Pierre LebrunfacebooktwitterLe « Je préférerais pas » du Bartleby de Melville n’est-il pas en train...

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice New Critical ReflectionsAutore: Pietro Barbetta, Maria Esther Cavagnis, Inga-Britt Krause, Umberta TelfenerEditore: Routledge Anno: 2022Pagine: 172In Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice, the...

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

In previsione del seminario di Marc Morali l’11 novembre 2023 da titolo Il rovescio della medaglia, pubblichiamo qui un breve estratto di un testo pubblicato in Désir et responsabilité de l’analyste face ą la clinique actuelle (2013), sotto la direzione di Jean Pierre Lebrun per i tipi delle edizioni Érès.

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

Il dottor Cacho stasera ci parlerà di un tema che in qualche modo abbiamo affrontato ma che naturalmente lui tratterà a suo modo, con la ricchezza che gli è propria. Il titolo che ha voluto dare alla sua conferenza è «Oblio e funzione del nome». Se qualcuno di voi avesse letto l’annuncio sul «Corriere della Sera» naturalmente si sarà reso conto che è sbagliato, era «Oblio e dimenticanza del nome», che comunque non è dispiaciuto come lapsus al dottor Cacho, e di questo poi ci vorrà parlare. Dunque, gli lascio senz’altro la parola.

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Il caso della giovane omosessuale è una pietra angolare nella clinica dell’omosessualità femminile [1]. Lacan parla della giovane omosessuale sino al 1968, anno del Seminario XV L’atto analitico dove affronta la questione dell’inconscio menzognero a proposito dei sogni riferiti dalla giovane paziente. Poi si perdono le tracce di questo caso clinico caratterizzato dal confronto fra due padri. Un padre che contrariamente a Freud soffre su un piano della sua reputazione sociale dell’omosessualità della figlia, o dichiara di soffrirne e si comporta come se fosse vero, e Freud che, al contrario, proprio negli stessi anni non sembra preoccuparsene troppo. Anna, che si dedicherà tutta la vita al padre, diventerà il primo presidente dell’IPA, con un’accettazione sociale e semipubblica della sua scelta sessuale.