L’uomo dei ratti

Il romanzo clinico freudiano detto «L’Uomo dei topi»

 

Autore: Luigi Burzotta
Editore: ETS
Collezione: Liberta’ di psicanalisi (29)
Anno: 2022
Pagine: 160

Luigi Burzotta

Il giovane Ernst Lanzer, reduce dalle manovre militari, si è presentato nello studio di Freud per chiedergli un certificato che attestasse la necessità per lui ineludibile di realizzare una fantasia ossessiva nella quale ha incluso due ufficiali suoi colleghi: a loro deve coattivamente chiedere di recarsi insieme all’ufficio postale di Z per eseguire, con la signorina dello sportello, quella bizzarra scenetta di restituzione di una somma di denaro.

Gli stessi tratti ossessivi di ciò che Freud non ha esitato a chiamare “delirio”, presenta il progetto di matrimonio con la cugina Gisela, una donna verso la quale egli tuttavia sostiene di non nutrire alcun appetito sessuale. L’idea s’impone dopo che il padre gli ha manifestato la sua disapprovazione a frequentarne la casa e che si configura come sintomo, dopo che la debole interdizione paterna ha trovato riscontro nell’iterato e netto rifiuto di lei. Ciò che egli, pur sempre tentato, non ha portato mai a compimento con la perdurante fantasia ossessiva di restituzione, ha trovato invece fatale attuazione, dopo la prematura fine dell’analisi, nelle nozze celebrate con la cugina; sponsali che, in coppia con quelli più ambiziosi progettati dalla madre, erano stati la stoffa del suo sintomo durante la cura, ma che ora aprivano la strada per incontrare finalmente, andato alla guerra, il vero unico creditore.

.

Ultimi articoli

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphantdans mon séminaire…» Ho fatto entrare un elefante nel mio seminariodi Marc Moralianno: 2013Editore: Éditions érèsMARC MORALI, psichiatra e psicoanalista a Strasburgo, membro dell'Associazione lacaniana internazionale, direttore della...

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOMESeminario tenuto nel quadro degli insegnamenti dell’ALI MilanoMilano, 9 aprile 2001 EDITORE: ASSOCIAZIONE LACANIANA INTERNAZIONALE MILANOJorge CachoMarisa Fiumanò – Il dottor Giorgio Cacho è uno psicoanalista che lavora a Parigi e insegna...

“Je préférerais pas”

“Je préférerais pas”

"Je préférerais pas" Grandir est-il encore à l'ordre du jour ? Autore: Jean-Pierre LEBRUNEditore: éditions érèsAnno: 2022Collana: Questions de sociétéPagine: 176 Jean-Pierre LebrunfacebooktwitterLe « Je préférerais pas » du Bartleby de Melville n’est-il pas en train...

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice New Critical ReflectionsAutore: Pietro Barbetta, Maria Esther Cavagnis, Inga-Britt Krause, Umberta TelfenerEditore: Routledge Anno: 2022Pagine: 172In Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice, the...

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

In previsione del seminario di Marc Morali l’11 novembre 2023 da titolo Il rovescio della medaglia, pubblichiamo qui un breve estratto di un testo pubblicato in Désir et responsabilité de l’analyste face ą la clinique actuelle (2013), sotto la direzione di Jean Pierre Lebrun per i tipi delle edizioni Érès.

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

Il dottor Cacho stasera ci parlerà di un tema che in qualche modo abbiamo affrontato ma che naturalmente lui tratterà a suo modo, con la ricchezza che gli è propria. Il titolo che ha voluto dare alla sua conferenza è «Oblio e funzione del nome». Se qualcuno di voi avesse letto l’annuncio sul «Corriere della Sera» naturalmente si sarà reso conto che è sbagliato, era «Oblio e dimenticanza del nome», che comunque non è dispiaciuto come lapsus al dottor Cacho, e di questo poi ci vorrà parlare. Dunque, gli lascio senz’altro la parola.

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Il caso della giovane omosessuale è una pietra angolare nella clinica dell’omosessualità femminile [1]. Lacan parla della giovane omosessuale sino al 1968, anno del Seminario XV L’atto analitico dove affronta la questione dell’inconscio menzognero a proposito dei sogni riferiti dalla giovane paziente. Poi si perdono le tracce di questo caso clinico caratterizzato dal confronto fra due padri. Un padre che contrariamente a Freud soffre su un piano della sua reputazione sociale dell’omosessualità della figlia, o dichiara di soffrirne e si comporta come se fosse vero, e Freud che, al contrario, proprio negli stessi anni non sembra preoccuparsene troppo. Anna, che si dedicherà tutta la vita al padre, diventerà il primo presidente dell’IPA, con un’accettazione sociale e semipubblica della sua scelta sessuale.