Inscrivere l’istinto di morte

di Marisa Fiumanò
20 Maggio 2017

Relazione pronunciata in occasione della Giornata dell’ALI in Italia dedicata al seminario di J. Lacan: L’Io nella teoria di Freud e nella tecnica della psicoanalisi che si è tenuta nella sede dell’ ALDN di Napoli il 20 Maggio 2017

Inscrivere l’istinto di morte [1]

Al di là del principio di piacere è un testo che Lacan propone nel seminario II (L’io nella teoria di Freud e nella tecnica della psicoanalisi) ma che riprenderà molte volte nei seminari successivi. Il commento di questo saggio ritorna nell’arco di tutto il suo insegnamento. in più modi e a proposito di concetti e questioni diverse. Questa volta Lacan, fin dalla seconda lezione, ne assegna la lettura a Pontalis e poi, nella lezione del 15 Dicembre 1954, consiglia ai suoi allievi di leggerlo durante le tre settimane delle vacanze natalizie.

«Le moi» è uno dei suoi primi seminari, quelli su cui vuole fondare la sua teoria. Lacan parte dal punto in cui Freud è arrivato, dal suo approdo, cioè dalla formulazione della seconda topica. Il punto d’approdo di Freud diventa il punto di partenza e la base dell’insegnamento di Lacan. La seconda topica freudiana costituisce una svolta che rifonda la teoria e muta la concezione dell’economia dell’apparato psichico. Le premesse di questa teoria erano già presenti nei primissimi scritti di Freud ma egli riesce a formulare questa nuova economia che contraddice la centralità del principio di piacere solo negli anni venti e a causa di un malfunzionamento della tecnica, a causa dei suoi fallimenti. Freud è costretto a prendere atto che le “spiegazioni” che dava ai suoi pazienti non servivano più a produrre effetti terapeutici, non avevano più un effetto-sorpresa, erano interpretazioni depotenziate o addirittura inefficaci, non superavano la barriera della resistenza dell’Io.

A causa degli scacchi della clinica, e non per una pura speculazione teorica, Freud rivede quindi la sua teoria dell’apparato psichico e la sua economia.

Marc Darmon, nel suo commento della prima lezione di questo seminario [2], nota che le interpretazioni di Freud erano fornite ai pazienti come «a mitraglietta» e che Lacan ha l’aria di prendersi un po’ gioco della cosa. Erano, di fatto, interpretazioni che miravano a dimostrare la giustezza della dottrina e quindi, in un certo senso, a convincere il paziente; quest’ultimo, dal canto suo, aveva ormai organizzato le sue difese e imparato a non farsi sorprendere dalle «rivelazioni» dell’analista; mostrava anzi un attaccamento singolare e bizzarro ai sintomi e alla sofferenza psichica. Ripeteva, senza avanzare. La coazione a ripetere (o compulsione di ripetizione, come la chiama Lacan) è, per questo, al centro degli interessi di Freud e della lettura di Lacan.

Quale economia ci governa, allora? Non un’economia retta dal principio di piacere, come Freud credeva nella formulazione della prima topica, ma un’economia su cui pesa fortemente la tendenza al Jenseits, all’aldilà del principio di piacere. Freud non ne parla come di una contrapposizione -tra un principio di piacere e il suo opposto- ma come di qualcosa che scavalca il primo e si proietta altrove. Per dirlo con una metafora calcistica: il principio di piacere viene dribblato quando cerca di fare da barriera. Lacan chiama questa “tendenza”: istinto di morte, una definizione che trova in Freud e che lui adotta: Non c’è testo che metta in questione a più alto livello il senso stesso della vita [3]

Note:
[1] Relazione pronunciata in occasione della Giornata dell’ALI in Italia dedicata al seminario II di J.Lacan (L’io nella teoria di Freud e nella tecnica della psicoanalisi) che si svolta nella sede dell’ ALDN di Napoli il 20 Maggio 2017.
[2] Il testo é pubblicato sul sito dell’ALI
[3] Lacan, J. Il seminario, libro II . L’io nella teoria di Freud e nella tecnica della psicoanalisi. Biblioteca Einaudi Torinio 2006 p.30

 

Ultimi articoli

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphantdans mon séminaire…» Ho fatto entrare un elefante nel mio seminariodi Marc Moralianno: 2013Editore: Éditions érèsMARC MORALI, psichiatra e psicoanalista a Strasburgo, membro dell'Associazione lacaniana internazionale, direttore della...

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOMESeminario tenuto nel quadro degli insegnamenti dell’ALI MilanoMilano, 9 aprile 2001 EDITORE: ASSOCIAZIONE LACANIANA INTERNAZIONALE MILANOJorge CachoMarisa Fiumanò – Il dottor Giorgio Cacho è uno psicoanalista che lavora a Parigi e insegna...

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Un’altra metà del cielo Lacan e l’omosessualità femminiledi Amalia Meleanno: 2020Editore: Associazione lacaniana internazionale Milano Il caso della giovane omosessuale è una pietra angolare nella clinica dell’omosessualità femminile [1]. Lacan parla della giovane...

“Je préférerais pas”

“Je préférerais pas”

"Je préférerais pas" Grandir est-il encore à l'ordre du jour ? Autore: Jean-Pierre LEBRUNEditore: éditions érèsAnno: 2022Collana: Questions de sociétéPagine: 176 Jean-Pierre LebrunfacebooktwitterLe « Je préférerais pas » du Bartleby de Melville n’est-il pas en train...

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice

Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice New Critical ReflectionsAutore: Pietro Barbetta, Maria Esther Cavagnis, Inga-Britt Krause, Umberta TelfenerEditore: Routledge Anno: 2022Pagine: 172In Ethical and Aesthetic Explorations of Systemic Practice, the...

La sessualità femminile secondo Jones, Freud e Lacan

La sessualità femminile secondo Jones, Freud e LacanSeminario tenuto nel quadro degli insegnamenti dell’ALI Milano Editore: Associazione lacaniana internazionale Milano Marie Christine LaznikfacebooktwitterLacan ha cercato di conciliare le posizioni di Jones e di...

Le perversioni

Le perversioniSeminario tenuto nel quadro degli insegnamenti dell’ALI MilanoData: 2009 Editore: Associazione lacaniana internazionale Milano Alexis ChiarifacebooktwitterSeminario tenuto nel quadro degli insegnamenti dell’ALI Milano. Abstract: Lo studio della psicosi...

L’interdetto dell’incesto

L’interdetto dell’incestoSeminario tenuto nel quadro degli insegnamenti dell’ALI Milano (presso la Casa della Cultura) Data: 2012 Editore: Associazione lacaniana internazionale Milano Jean-Pierre LebrunfacebooktwitterSe dovessi riassumere la scoperta freudiana, tutto...

Dodici luoghi lacaniani della psicoanalisi

dodici luoghi lacaniani della psicoanalisiClinica psicoanalitica dei legami sociali di Fabrizio Gambini. Franco Angeli, 2018. Collana Clinica psicoanalitica dei legami sociali. Pagine 174facebooktwitterFabrizio Gambini, psichiatra e psicoanalista, è membro...

I seminari

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphantdans mon séminaire…» Ho fatto entrare un elefante nel mio seminariodi Marc Moralianno: 2013Editore: Éditions érèsMARC MORALI, psichiatra e psicoanalista a Strasburgo, membro dell'Associazione lacaniana internazionale, direttore della...

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

« J’ai fait entrer un éléphant dans mon séminaire…»

In previsione del seminario di Marc Morali l’11 novembre 2023 da titolo Il rovescio della medaglia, pubblichiamo qui un breve estratto di un testo pubblicato in Désir et responsabilité de l’analyste face ą la clinique actuelle (2013), sotto la direzione di Jean Pierre Lebrun per i tipi delle edizioni Érès.

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

OBLIO E FUNZIONE DEL NOME

Il dottor Cacho stasera ci parlerà di un tema che in qualche modo abbiamo affrontato ma che naturalmente lui tratterà a suo modo, con la ricchezza che gli è propria. Il titolo che ha voluto dare alla sua conferenza è «Oblio e funzione del nome». Se qualcuno di voi avesse letto l’annuncio sul «Corriere della Sera» naturalmente si sarà reso conto che è sbagliato, era «Oblio e dimenticanza del nome», che comunque non è dispiaciuto come lapsus al dottor Cacho, e di questo poi ci vorrà parlare. Dunque, gli lascio senz’altro la parola.

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Un’altra metà del cielo. Lacan e l’omosessualità femminile

Il caso della giovane omosessuale è una pietra angolare nella clinica dell’omosessualità femminile [1]. Lacan parla della giovane omosessuale sino al 1968, anno del Seminario XV L’atto analitico dove affronta la questione dell’inconscio menzognero a proposito dei sogni riferiti dalla giovane paziente. Poi si perdono le tracce di questo caso clinico caratterizzato dal confronto fra due padri. Un padre che contrariamente a Freud soffre su un piano della sua reputazione sociale dell’omosessualità della figlia, o dichiara di soffrirne e si comporta come se fosse vero, e Freud che, al contrario, proprio negli stessi anni non sembra preoccuparsene troppo. Anna, che si dedicherà tutta la vita al padre, diventerà il primo presidente dell’IPA, con un’accettazione sociale e semipubblica della sua scelta sessuale.